top of page

DECRETO LAVORO: CONTRATTI A TERMINE

Aggiornamento: 6 lug 2023


E' stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale la Legge 3 luglio 2023, n. 85 che converte il Decreto Lavoro. Con la conversione in legge vengono confermate le diverse novità tra queste quelle relative ai contratti a tempo determinato.

A partire dal 5 maggio 2023, data di entrata in vigore del Decreto Lavoro, i contratti a tempo determinato possono godere di una durata superiore a 12 mesi, ma comunque non eccedente i 24 mesi, solo in presenza di almeno una delle seguenti condizioni:

  1. nei casi previsti dai contratti collettivi di cui all’articolo 51 del D.Lgs 81/2015;

  2. in assenza delle previsioni di cui al numero 1), nei contratti collettivi applicati in azienda, per esigenze di natura, tecnica, organizzativa o produttiva individuate dalle parti entro il 30 aprile 2024;

  3. in sostituzione di altri lavoratori.

Per contratti collettivi dell’articolo 51 D.Lgs 81/2015 si intendono i contratti collettivi nazionali territoriali o aziendali stipulati da associazioni sindacali comparativamente più rappresentative sul piano nazionale e i contratti collettivi aziendali stipulati dalle loro rappresentanze sindacali aziendali ovvero dalla rappresentanza sindacale unitaria (RSU).

In mancanza di previsioni regolate dai contratti collettivi applicati in azienda, e comunque entro la data del 30 aprile 2024, sarà possibile definire tra le parti le necessarie causali (sia per le proroghe che per i rinnovi) individuando specifiche e puntuali esigenze di natura tecnica, organizzativa o produttiva.

Pertanto dovrà essere posta particolare attenzione all’individuazione delle esigenze di natura tecnica, organizzativa e produttiva già oggetto di numerose sentenze da parte della Corte di Cassazione.

Ricordiamo che qualora il Contratto Collettivo applicato in azienda preveda specifiche causali solo queste potranno essere utilizzate e non potranno esserne valutate altre in via autonoma tra datore di lavoro e lavoratori (salvo sottoscrivere accordi di secondo livello in sede sindacale).

Inoltre, il Decreto Lavoro stabilisce che, per i primi 12 mesi, proroghe e rinnovi di contratti a termine non necessitano delle causali. Tale nuova previsione è da ritenersi valida per i contratti stipulati a decorrere dal 5 maggio 2023.


Si allega Decreto Lavoro e Legge di conversione.

Decreto Legge 4 maggio 2023,n. 48
.pdf
Scarica PDF • 2.54MB

Legge conversione D.L. Lavoro
.pdf
Scarica PDF • 6.62MB

60 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comentários


bottom of page