DECRETO RISTORI - TER: MISURE FINANZIARIE URGENTI


Il Governo al fine di far fronte all'emergenza epidemiologica ha disposto ulteriori misure a sostegno, in particolare dell'economia, con l'emanazione del Decreto Ristori-Ter ( D.L. 23 novembre 2020, n. 154).

Il provvedimento prevede, tra le altre disposizioni finanziarie urgenti.


Il fondo stabilito precedentemente a sostegno delle imprese colpite dall'emergenza epidemiologica da COVID - 19 è stato incrementato di 1.450 milioni di euro per l'anno 2020 e di 220,1 milioni di euro per l'anno 2021.


Al fine di consentire ai comuni l'adozione di misure urgenti di solidarietà alimentare è istituito un fondo di 400 milioni di euro per l'anno 2020, da erogare a ciascun comune, entro 7 giorni dalla data di entrata in vigore del decreto Ristori ter.

Le variazioni di bilancio riguardanti l'utilizzo delle risorse trasferite dal Bilancio dello Stato connesse all'emergenza da COVID - 19 possono essere deliberate dagli enti locali sino al 31 dicembre 2020 con delibera della giunta.


Al fine di procedere all'acquisto e alla distribuzione sul territorio nazionale dei farmaci per la cura dei pazienti con COVID - 19, il fondo è incrementato di 100 milioni di euro per l'anno 2020.


Al fine di assicurare il rispetto del limite complessivo massimo delle autorizzazioni al ricorso all'indebitamento per l'anno 2020 approvate dalla Camera dei Deputati e dal Senato della Repubblica con le relative Risoluzioni, il Ministero dell'economia e delle finanze effettua il monitoraggio delle risorse .


Ai fini dell'immediata attuazione delle disposizioni recate dal presente decreto, il Ministro dell'economia e delle finanze è autorizzato ad apportare, con propri decreti, le occorrenti variazioni di bilancio, anche nel conto dei residui.


Per ulteriori informazioni rimando al decreto in allegato.

Decreto Ristori ter 23 novembre 2020, n
Download • 2.29MB

17 visualizzazioni0 commenti